6 errori da evitare alla scrivania*

Lavoro e salute

Il lavoro occupa probabilmente la parte più consistente della tua giornata. Per questo motivo devi cercare di adottare delle posture che non danneggino il tuo fisico.

La vita sedentaria in generale non aiuta: l’uomo non è fatto per rimanere immobile su una scrivania tutto il giorno. Ciononostante ci sono alcuni errori da non fare per evitare problemi alla schiena e alle articolazioni. Ecco i 6 più comuni:

1) Parlare al telefono tenendolo tra orecchio e spalla. È un’abitudine molto diffusa negli uffici perché permette di condurre una conversazione telefonica e intanto proseguire il proprio lavoro a computer o prendere nota di ciò che sta dicendo l’interlocutore. In tempi in cui la velocità e l’efficienza sono regole inviolabili, è più che comprensibile. Purtroppo però, alla lunga, può portare a contratture ai muscoli della spalla o del collo; è necessario perciò tenere la cornetta con una mano oppure affidarsi al viva voce.

2) Posizionare il monitor a destra o a sinistra. La posizione del computer è altrettanto importante per evitare problemi ai muscoli della zona cervicale. In molti casi la tastiera è disallineata rispetto alla posizione del pc, inducendo chi sta lavorando a ruotare la testa a destra o a sinistra per guardare il monitor. Se anche la tua scrivania è organizzata così, dovresti correre subito ai ripari: tenere la testa girata tutto il giorno potrebbe provocare dei danni muscolo scheletrici alla colonna.   

3) Schermo troppo vicino.  È opportuno che il computer sia posizionato a circa 30-35 cm dagli occhi e che il punto centrale dello schermo corrisponda con la posizione del naso. La dimensione dei caratteri non deve mai essere così piccola da indurti ad arricciare gli occhi per mettere a fuoco. Un altro aspetto fondamentale è la luminosità dello schermo. Dovresti ricordarti di impostarla manualmente, in modo che il monitor non sia troppo scuro nelle ore di luce né troppo chiaro in quelle di buio. Per evitare di dover intervenire manualmente, ci sono dei programmi che agiscono sulla luminosità dello schermo in base alle ore della giornata.

4) Sporgersi in avanti. Un’abitudine fin troppo frequente alla scrivania è quella di piegare la schiena in avanti. È un atteggiamento scorretto che viene adottato non solo davanti al pc ma in molte situazioni della vita d’ufficio: durante le riunioni, mentre parli con un cliente, persino durante i colloqui di selezione. È una delle posture più comuni ed è tra le maggiori cause di mal di schiena e problemi vari. Per evitarli è necessario stare sempre appoggiati alla sedia: il modo migliore per rimanere dritti.

5) Non fare pause: è fondamentale alternare la posizione eretta e quella seduta. Al di là della correttezza della postura, stare seduti troppo a lungo comporta sempre dei problemi. Esistono studi che dimostrano come tre ore consecutive comportino una riduzione della vascolarizzazione fisiologica del corpo. Allo stesso tempo, è dimostrato che il prolungamento dello stadio di sedentarietà sia collegato a un aumento delle patologie cardiovascolari. Stare seduti per molto tempo, inoltre, crea un’iperattivazione dei trapezi che può generare dolore alle spalle e una difficoltà di contrazione di alcuni muscoli addominali che potrebbero ripercuotersi sulla zona lombare della colonna e dare origine a dolori muscolo scheletrici. In generale, la permanenza della posizione seduta porta a comprimere, allungare o accorciare i tessuti, oltre che a sovraccaricare le articolazioni della spina dorsale, del bacino e dell’anca.

6) Indossare tacchi troppo alti. La necessità di avere sempre un abbigliamento super elegante induce molte donne in ufficio a indossare scarpe con tacchi molto alti. È un comportamento piuttosto a rischio in particolare per chi soffre di circolazione perché comporta la formazione di accumuli di adipe, una riduzione del ritorno venoso e un ostacolo alla circolazione corretta. I tacchi troppo alti possono portare, inoltre, a un disallineamento della colonna. Se l’ambiente di lavoro non ti consente di indossare scarpe da ginnastica, cerca di alternare i tacchi alti con scarpe eleganti ma più basse, che ti consentano di rilassare i muscoli delle gambe e della schiena.

*Materiale informativo non soggetto ad autorizzazione ministeriale

La linea Fastum

Fastumdol Antinfiammatorio

Farmaco in bustine e compresse indicato in caso di mal di schiena e dolori cervicali.

Fastum Antidolorifico Gel

Farmaco in gel indicato per trattamento dei dolori muscolari, distorsioni e mal di schiena.

Fastum Articolazioni

Integratore alimentare a base di Collagene II complex, boswellia e Vitamina C.
Sono medicinali che possono avere effetti indesiderati anche gravi. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Aut. Min. del 10/04/2018